Testimonianze (III)

I blocchi di marmo delle Apuane, strappati da un’antica memoria, rivivono nei dipinti di Marcello Polacci, allineati e sovrapposti con ordine nei loro diversi colori-luce, e si trasformano in elementi preziosi di un gioco seriamente impegnato a ricostruire armonie disegnative e cromatiche nuove, in cui i passaggi dagli interni all’esterno, sembrano meditatissime mosse su una scacchiera per giganti. Giochi anch’essi, inventati con lo studio appassionato dei valori pittorici identificati via via quando su una parete si apre all’improvviso una porta, che dall’esterno fa piovere nell’ambiente la luce vivissima chiamata a lacerare la penombra nella quale i marmi erano stati idealmente trasportati, come per una riunione di famiglia, si sarebbe detto al primo impatto.
Forse per questo sono immagini inquietanti e tuttavia capaci di opporre la loro solidità, all’esistere effimero di una società divenuta assai fragile e sempre meno consapevole dei propri mezzi, di cui stenta a recuperare l’energia e la validità.
E’ dunque in una logica esistenziale che la sua pittura va ancor più evolvendosi in un contraddittorio vivace con i responsabili del degrado generale dell’arte, di un’arte subdolamente impoverita di soluzioni formali, degne di essere accolte nella pittura e nella scultura. E quale strumento di contrapposizione Polacci avrebbe potuto invocare più efficace della solidità dei blocchi di marmo delle sue Apuane che in queste tele fanno muraglia ideale per arginare il caos? D’altra parte la voce dei blocchi di marmo, ambientata suggestivamente nei luoghi che legittimamente la amplificano e la giustificano, è uno
strumento che può anche essere “poesia” o, meglio, simbolo di una poesia disposta oggi ad assumersi il compito di tramandare alle generazioni future certi valori il cui esistere è messo in pericolo dal caos dilagante.
La “voce” dei blocchi di marmo delle Apuane Marcello Polacci la esprime con una pittura nuova, soprattutto ricca di una suadente forza espressiva nel suo linguaggio pulito.
Civile.

Tommaso Paloscia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: