Pubblicato da: marcellopolacci | marzo 8, 2013

La Versilia sognata di Marcello Polacci in una personale alla Ubs di Lugano

Dal 27 marzo, e per i tre mesi successivi le opere dell’artista toscano Marcello Polacci saranno esposte nelle vetrine della prestigiosa sede centrale della banca svizzera

Del pittore Marcello Polacci si apre il 27 marzo prossimo una personale alla sede centrale della Ubs di Lugano. Un evento importante, introdotto da un pezzo critico di Cristina Acidini, soprintendente del Polo Museale fiorentino e curata dall’architetto Claudio Rossi di Lugano.

Le ventotto opere che l’artista ha scelto per questa mostra saranno collocate nelle vetrine esterne della banca, nella hall e nelle sale di rappresentanza ai piani superiori della banca, da tempo diventata un vero percorso espositivo per grandi eventi artistici.

Polacci ha sempre avuto un amore smisurato per la pittura, iniziando a dipingere dalla metà degli anni Cinquanta. Un percorso iniziale che non si fonda su un vero e proprio linguaggio personale, ma trae linfa dai vari pittori e stili pittorici che di volta in volta lo attraggono e incuriosiscono. Espone in quegli anni in alcune collettive che destano l’interesse di pubblico e critica tanto che, nel 1960, il gallerista Enzo Pagani, direttore della Galleria del Grattacielo di via Brera a Milano, gli consiglia di prendere una decisione “o fai il pittore e vieni con me a Milano a lavorare, o fai il pediatra e lasci stare i pennelli”. L’artista versiliese non risponde a questo allettante richiamo e decide di conciliare la passione per la pittura con la professione medica.

Ma è nel 1995 che, raggiunta la pensione, si risveglia prepotente il vecchio amore al quale, finalmente, può dedicarsi a tempo pieno. “Una lucida vena di cultura – come ricorda nel testo introduttivo Cristina Acidini – ha attraversato fin dalle prove più lontane la pittura di Polacci, elevando a una dimensione d’intesa introversa e silente il dialogo tra lo sguardo del pittore e le cose intorno. Che sono poi le cose della sua Versilia, a cominciare daiblocchi di marmo apuano in riva al mare, forme geometriche di approssimativa purezza posate sulla rena, in dialettica con le linee dell’orizzonte e della battigia”.

Una Versilia, quella dipinta da Marcello Polacci, idealizzata in simboli senza tempo: “Ho cercato di far vedere la mia Versilia in chiave moderna, simbolica, sognata – afferma – in una mia visione interna che è quella che guida la mia ultima pittura, perché ho sempre sentito lo stimolo che mi davano i temi offerti dai paesaggi della terra dove sono nato”.
Nel suo studio di Forte dei Marmi porta avanti queste ricerche di nuovi rapporti fra le cose, accosta i simboli della sua terra: il pino, il mare, la cabina, le Apuane, la linea dell’orizzonte, i blocchi di marmo in una visione che è al di fuori del senso comune delle cose
”Sono immagini nuove di vecchie cose”.

Marcello Polacci “Versilia sognata”

27 marzo – 28 giugno

Ubs – sede centrale

via Pretorio 14, Lugano

a cura di Claudio Rossi

Eventi d’arte, Muzzano, Svizzera

progetto del catalogo

Rossidesign, Camignolo, Svizzera, Glen Rossi, Ugo Rossi

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: